Una telefonata alla polizia, alle 10 di mattina, ha scatenato il panico nell’Ateneo barese: “C’è una bomba nell’Università”. In queste ore, gli artificieri e le forze dell’ordine hanno raggiunto tutte le sedi universitarie ed il Politecnico di Bari, provvedendo a fare evacuare le centinaia di studenti, che si trovavano a lezione.

Molti studenti dell’Università di Bari provengono dalla provincia di Lecce e l’apprensione è giunta anche qui nel Salento, soprattutto alla luce di quanto accaduto sabato scorso a Brindisi, quando davanti all’istituto professionale “Morvillo – Falcone” è stato piazzato e fatto esplodere un ordigno, che ha ucciso una 16enne di Mesagne, Melissa Bassi, e ferito gravemente altre 5 studentesse.
In particolare, sono state fatte evacuare le aule della facoltà di Lettere e filosofia, Scienze della formazione, Giurisprudenza e Scienze politiche
Ovviamente, anche il personale universitario è stato invitato ad uscire dagli edifici, nel centro di Bari e in alcune zone periferiche, per consentire alle forze dell’ordine di eseguire i controlli e accertare l’eventuale presenza di un ordigno.
”Per ragioni di sicurezza – spiega il rettore dell’Università, Corrado Petrocelli – ho deciso di far evacuare tutti gli edifici”.
All’Ateneo, alle 11, era in programma la presentazione del rapporto statistico annuale dell’Ipres “Puglia in cifre 2012” con il governatore pugliese Nichi Vendola.

 

NESSUN COMMENTO

LASCIA UN COMMENTO

5 − 2 =