Foto Antonio CastelluzzoDue rapine in poche ore e torna l’allarme rapine in provincia di Lecce. I banditi hanno colpito a Casarano e Vitigliano, assaltando una gioielleria ed una tabaccheria.

Il primo episodio è accaduto nel primo pomeriggio, intorno alle 17, a ridosso dell’orario di apertura. Ed i rapinatori, due in tutto, erano già lì, in attesa dell’arrivo della titolare della gioielleria “Semola preziosi”, in via Matino, a Casarano.
I banditi, a volto scoperto, dopo avere sorpreso la titolare mentre apriva la gioielleria, l’hanno trascinata all’interno del locale, chiudendola poi in bagno.
Una volta avuto campo libero, i due malviventi hanno arraffato tutto ciò che capitava a loro tiro, portando via contanti per circa 3mila euro, e diversi gioielli dalle vetrine espositive. Prima di fuggire col bottino, i due hanno portato via anche i nastri delle telecamere.
Sul posto, dopo l’allarme, sono giunti i carabinieri della compagnia di Casarano, che stanno Foto Antonio Castelluzzovagliando la possibilità di acquisire i filmati delle altre attività nelle vicinanze, che potrebbero avere inquadrato gli autori della rapina. Per la titolare della gioielleria si è reso necessario il trasporto al pronto soccorso per un forte stato di choc.
L’altro assalto armato, invece, è andato a segno a Vitigliano, frazione di Santa Cesarea Terme, ai danni della tabaccheria in Vittorio Emanuele III. Intorno alle 20, un bandito solitario ha fatto irruzione armato di pistola ed è riuscito a fuggire con oltre 1000 euro. All’esterno della tabaccheria lo attendeva un complice che, secondo alcuni testimoni, potrebbe anche trattarsi di una donna.