Foto di M. Cristina Pede”Coraggio, speranza, verità, giustizia e legalità”: sono alcune delle parole scritte sugli striscioni portati dagli studenti al corteo partito questo pomeriggio dalle vicinanze della scuola Morvillo-Falcone dove sabato scorso e’ stata uccisa Melissa Bassi in un attentato ancora senza colpevoli

che ha ferito anche altre cinque studentesse. Il corteo e’ aperto dagli studenti della scuola Morvillo che portano un grande striscione con lo slogan della manifestazione ‘Io non ho paura’, che e’ scritto anche sulle magliette che indossa la maggior parte di loro. Alla manifestazione non partecipano i compagni di scuola di Melissa che, secondo quanto riferiscono alcuni loro compagni, hanno accolto il suggerimento degli psicologi di restare a casa. Al corteo, che si ingrossa di minuto in minuto, partecipano migliaia di studenti provenienti da varie regioni del centro sud. Tra questi sono appena giunti, con due pullman, i ragazzi di due scuole campane. ”Umiliati e offesi ma in piedi” si legge su uno striscione, ”Noi giovani siamo la forza del nostro futuro, lottiamo per la giustizia”. ”Giu’ le Foto di M. Cristina Pedemani dagli innocenti”. E pensieri rivolti a Melissa che non c’e’ piu’ sono i messaggi prevalenti sugli altri striscioni e cartelloni portati dagli studenti.
”La nostra risposta alla paura e’ la rivoluzione della cultura”. E’ un altro dei tanti slogan lanciati dagli studenti che partecipano al corteo di Brindisi. Alla manifestazione, promossa da varie organizzazioni studentesche con l’appoggio anche di Libera, Rete dalla Conoscenza, Arci e Cgil, partecipano circa 4.000 persone. Si tratta quasi esclusivamente di studenti.. Molti dei manifestanti hanno colorato i palmi delle mani di verde, giallo, rosso e altri colori e metteranno in alto le mani per simboleggiare la forza della creativita’ e della fantasia che si oppone alla cultura della violenza e dell’illegalita’.

loading...

NESSUN COMMENTO

LASCIA UN COMMENTO

14 − 4 =