Foto Antonio Castelluzzo”Stiamo lavorando veramente bene e intensamente”: lo assicura all’Ansa il procuratore della Dda di Lecce Cataldo Motta in merito alle indagini in corso sull’attentato avvenuto il 19 maggio scorso davanti all’istituto professionale Morvillo Falcone di Brindisi

e che ha provocato la morte di una studentessa di 16 anni, Melissa Bassi, di Mesagne, e il ferimento di altre cinque ragazze. ”Questo – aggiunge Motta – non vuol dire che ci saranno risultati nelle prossime ore. Come ho gia’ ripetuto piu’ volte – conclude – si tratta di una indagine complessa e gli elementi da mettere insieme sono tanti”.

Intanto a Mesagne ha fatto rientro a casa una delle ragazze ferite, Selena. Ad un cronista ha riferito di provare adesso , tanta rabbia, rabbia che esige delle risposte. La ragazza ha anche raccontato che quel terribile sabato mattina, all’ingresso a scuola , con le sue compagne era passata vicino al cassonetto blu senza neanche farci caso e subito dopo di aver sentito il boato e un forte colpo alle spalle.

loading...

NESSUN COMMENTO

LASCIA UN COMMENTO

sedici + otto =