Foto Stefano De TommasiSi svolgerà questo pomeriggio a Brindisi la manifestazione nazionale voluta e promossa dalle studentesse e dagli studenti brindisini – alla quale hanno aderito moltissime associazioni tra le quali Libera, Rete della Conoscenza, Cgil e Arci – dopo l’attentato avvenuto una settimana fa

davanti alla scuola Morvillo-Falcone, in cui ha perso la vita la sedicenne Melissa Bassi.
Sono previsti migliaia di partecipanti che arriveranno a Brindisi con circa 30 pullman messi a disposizione dalle associazioni o dagli enti locali. Il corteo partirà da viale Togliatti, area antistante al Tribunale, alle 14, e si districhera’ tra viale Aldo Moro, Cavalcavia Aldo Moro, Corso Roma e terminera’ a Piazza Vittoria dove per l’occasione e’ stato allestito un palco dal quale intervenire. Secondo le volonta’ ben precise espresse dalle studentesse e gli studenti brindisini il corteo non sara’ una sfilata per pochi, ma una “giornata di riscatto e protagonismo”.
Il corteo “non vuole essere una marcia funebre, non vuole evocare tristezza e paura, ma anzi sara’ quanto piu’ colorato possibile. Gli studenti di tutta Italia porteranno durante il corteo centinaia di palloncini e si coloreranno le mani. Le mani colorate sono il segno di chi non vuole essere sopraffatto dalla paura e chiede con forza un riscatto concreto – dichiara Martina Carpani, presidente della Consulta provinciale studentesca di Brindisi – perche’ non si puo’ e non si deve pensare che come studentesse e studenti lasceremo che il nostro territorio venga controllato tramite la paura e soprattutto non permetteremo che, a riflettori spenti, ci si dimentichi di quello che e’ successo nella nostra citta’”.

 

NESSUN COMMENTO

LASCIA UN COMMENTO

5 × uno =