Foto Antonio CastelluzzoLecce. Amara sorpresa questa mattina per i residenti di via Cataldi e Guglielmotto d’Otranto, che hanno trovato  le loro auto danneggiate. Specchietti e fanalini rotti. I vandalismi sono avvenuti in piena notte, intorno alle 4.

A segnalarli alla polizia è stato un residente della zona, un agente della penitenziaria che alla polizia ha raccontato di aver udito un forte rumore, provenire dalla strada dove si trova la propria abitazione, affacciatosi alla finestra  notava un ragazzo , alto circa 1.80 cm, carnagione e capelli scuri, con addosso una giubba di pelle nera e pantaloni scuri, che sferrava calci alla propria motocicletta  parcheggiata in via Nicola Cataldi. L’agente notava anche che il ragazzo sferrava calci e pugni a tutte le auto in sosta lungo la strada. A quel punto l’agente scendeva, lo bloccava e chiedeva aiuto alla polizia.

Per il ragazzo, un 30enne cittadino del Bangladesh, scattava la denuncia a piede libero per danneggiamento aggravato e continuato

 

ATTENZIONE: i commenti non sono moderati dalla redazione, che non se ne assume la responsabilità. Ogni utente risponderà del contenuto delle proprie affermazioni.