Le ultime verifiche dei carabinieri di Nardò sono stati finalizzate al contrasto del fenomeno del “randagismo” sul Comune neretino, coordinate dal Comando Compagnia Carabinieri di Gallipoli.

Il bilancio è di 17 proprietari di cani sanzionati, per un totale complessivo di circa 1500 euro, per non aver iscritto, all’anagrafe canina nazionale, i propri animali.
I controlli dei Carabinieri hanno riguardato la presenza o meno, per ciascun cane, di un libretto e del microchip obbligatorio, unico modo per identificare con certezza il proprietario di tale animale. In taluni casi, i cani erano completamente privi sia del libretto sia del chip identificativo. I controlli hanno interessato oltre 100 proprietari di cani, di varie razze e dimensioni. Tale controllo è stato finalizzato a contrastare il triste e, talvolta, pericoloso fenomeno del randagismo: tramite il chip sotto cute, applicato obbligatoriamente ai cani, si può risalire in ogni momento al proprietario di un cane, riducendo in tal modo gli eventuali abbandoni di animali, specialmente in prossimità della stagione estiva.

 

NESSUN COMMENTO

LASCIA UN COMMENTO

15 + 20 =