Aveva acquistato 10 grammi di cocaina ma non era riuscito a pagarla, per questo è stato minacciato di morte dallo spacciatore. Così si è rivolto ai carabinieri, che hanno arrestato il pusher-estorsore.

Si tratta di Esposito Gianluca, 36enne gallipolino. Stando alla ricostruzione dei carabinieri, la vittima dell’estorsione aveva acquistato qualche giorno prima, 10 grammi di cocaina, per uso personale, non riuscendo però,  a pagarla, nonostante il termine ultimo fissato per il pagamento fosse il 20 maggio.
Erano cominciati così vari tentativi di riscossione del denaro, pari a mille euro, con una serie di minacce da parte dell’Esposito, facendo anche leva sulla pericolosità degli “amici” per i quali lo stesso 36enne spacciava, persone, a suo dire, molto pericolose e che gliel’avrebbero fatta pagare cara, o a lui o ai suoi familiari.
A quel punto, l’uomo ha chiesto aiuto ai carabinieri, e dopo poco, il 36enne riusciva a rintracciare il denunciante, noon sapendo, però, che la scena era seguita a distanza dai militari dell’Aliquota Operativa. Il 36enne prima minacciava verbalmente la vittima e, successivamente, strattonandolo tentava anche di colpirlo, al fine di avere i 1.000 entro la serata. A quel punto intervenivano i militari nel frattempo appostati, che bloccavano l’Esposito e lo portavano immediatamente presso gli uffici del Comando Compagnia. Il 36enne ora si trova presso la Casa Circondariale di Lecce.

NESSUN COMMENTO

LASCIA UN COMMENTO

2 × tre =