Vignetta Massimo DonateoLe tre di questa notte hanno segnato lo spartiacque tra il prima e il dopo, tra ciò che è storia e ciò che è futuro. La vecchia tv si è spenta. Quella analogica, figlia del bianco e nero e del tubo catodico, dunque, va in soffitta, perchè anche nel Salento è arrivato lo switch off, il passaggio al digitale terrestre

, quell’operazione iniziata nei Paesi Bassi nel lontano 2006 e che si concluderà in Tunisia nel lontano 2020. In Italia, lo switch off è stato avviato il 4 luglio, tre giorni dopo il Kenia e cinque prima della Repubblica Ceca. In Puglia la rivoluzione ha preso piede negli ultimi giorni, ad iniziare da Foggia. Oggi è la volta, appunto, del grande Salento, delle province, cioè, di Lecce, Brindisi e Taranto. Cosa comporta? È necessario adeguarsi materialmente alla novità tecnologica, altrimenti non sarà possibile vedere più i canali, in quanto al loro posto ci sarà uno schermo nero. Indispensabile, per questo, è l’acquisto di un decoder (il cui costo si aggira tra i 20 e i 30 euro) oppure di un nuovo televisore con ricevitore digitale incorporato. Dopodiché, bisognerà aggiornare la programmazione automaticamente. Un passaggio semplice, ma indispensabile, per poter continuare a seguire i canali nazionali e quelli locali. Un passaggio che, ad ogni modo, avrà un risvolto più che positivo. La piattaforma delle nuove testate visibili, infatti, sarà ancora più ampia, ancora più di qualità.

NESSUN COMMENTO

LASCIA UN COMMENTO

dieci + 20 =