Prevista per questa sera alle 20 in piazza Garibaldi a San Cesario la presentazione in anteprima dell’ultimo lavoro letterario di Antonio Errico. La serata, organizzata dall’associazione “l’alambicco” e della casa editrice Manni, con il patrocinio del Comune di San Cesario, vedrà la partecipazione di musicisti, attori, cantanti, artisti, critici. Appuntamento in Piazza Garibaldi a San Cesario.

Il libro si presenta ricco di mille sfaccettature, un romanzo storico, una storia d’amore, lo sfondo di una congiura, l’umiltà di una confessione. Un libro di libri, di filosofie, di misteri. Che dice del tempo, della luce, del vuoto, della vendetta, del potere, del destino, di verità e di menzogne, di passioni e stupori.Una lucida accusa contro il governo di Lorenzo il Magnifico, una riflessione dolorosa sui tortuosi processi della Storia. E ancora l’esperienza della solitudine di un uomo, la scoperta sbalordita di Dio. In principio: Firenze al tempo dei Medici, scintillante e oscura. In fine: il Sud più profondo, alla vigilia di una tragedia.

Antonio Errico è nato in provincia di Lecce dove vive ed è dirigente scolastico di un liceo. Ha pubblicato libri di narrativa e saggistica: Tra il meraviglioso e il quotidiano (1985), Favolerie  (1996), Il racconto infinito. Saggio su Luigi Malerba (1998), Fabbricanti di sapere. Metodi e miti dell’arte di insegnare (1999), Angeli regolari (2002), L’ultima caccia di Federico Re (2004), Salento con scritture (2005), Viaggio a Finibusterrae (2007), Stralune (2008), Le ragioni della passione (2009), saggi e racconti in volumi collettivi.Ha curato l’antologia Poeti a Finibusterrae e la riedizione di Secoli fra gli ulivi, di Fernando Manno, per Manni. Collabora a quotidiani, riviste letterarie e scolastiche.

NESSUN COMMENTO

LASCIA UN COMMENTO

13 − dieci =