“Atmosfere e sonorità della belle èpoque” ovvero un omaggio ai ricchi salotti borghesi di fine Ottocento.
Romanze da salotto di Francesco Paolo Tosti e pezzi di bravura al pianoforte di Fumagalli e Scriabin saranno gli ingredienti del ricco programma che la Rassegna MusiCultura proporrà venerdì 8 giugno alle ore 20.30 nell’ ex Convento di Santa Chiara a Brindisi.

Interpreti d’eccezione saranno il tenore Antonio Pellegrino e il pianista Valerio De Giorgi.
La Romanza da salotto è un genere musicale amato e vituperato da molti e negli ultimi anni, da parte di generosi studiosi, si sta tentando un’azione di recupero reso particolarmente difficile dalla critica e dalla storia, che ha spietatamente cercato di cancellare anche ciò che era degno di essere apprezzato e conservato nel tempo.
Così numerose pagine di bella musica sono andate perdute ma, fortunatamente, di Francesco Paolo Tosti sono sopravvissute e soprattutto restituite alla storia culturale italiana numerose arie di accattivante bellezza.
Il programma del concerto si snoderà attraverso “Vorrei morir”, “Non t’amo più”, “L’ultima canzone”, “L’alba separa dalla luce l’ombra”, “Malìa”, “Ideale” per concludere con “A vucchella” su testo di Gabriele D’Annuzio e “A Marechiare”.
Questo percorso vocale sarà impreziosito da “intermezzi” pianistici di grandissimo pregio culturale: sarà esaltato un altro ideale della cultura romantica, ovvero il mito del “virtuoso”, cioè di quel personaggio conteso ed acclamato tra le chiuse mura delle corti private arroccate su stilemi tradizionali e rassicuranti.
Valerio De Giorgi, docente al Conservatorio “Tito Schipa” di Lecce, proporrà due brani per la sola mano sinistra: “Casta diva” di Adolfo Fumagalli e “Preludio e Notturno” Op. 9 nn.1 e 2 di Alexander Scriabin.

Venerdì 8 Giugno ore 20,30
Brindisi – Ex Convento di Santa Chiara

Prossimo appuntamento di MusiCultura Martedì 12 giugno 2012 alle ore 20,30 nell’Auditorium dell’Ex Convento di Santa Chiara il concerto dal titolo “Luoghi, Atmosfere e sonorità elvetiche” con il pianista Roberto Corlianò.

UPR Conservatorio di musica “Tito Schipa” Lecce

NESSUN COMMENTO

LASCIA UN COMMENTO

cinque × 3 =