Foto Antonio CastelluzzoGiovanni Vantaggiato, in lacrime, ”ha confermato quello che già aveva detto in sede di interrogatorio”, durante il quale ha confessato di essere l’attentatore della scuola di Brindisi.

Lo ha detto l’avv.Franco Orlando, uscendo dal carcere dopo l’udienza di convalida del fermo dell’imprenditore 68enne di Copertino accusato di aver compiuto l’attentato alla scuola di Brindisi nel quale è morta Melissa Bassi e altre cinque ragazze sono rimaste ferite in modo grave.
I pm inquirenti, Guglielmo Cataldi e Milto De Nozza, hanno da qualche minuto lasciato in auto il carcere di Lecce, evitando cosi’ di rispondere a domande dei giornalisti in attesa fuori dal penitenziario.

Il gip di Brindisi Ines Casciaro si e’ riservata la decisione sia sulla convalida del fermo di Giovanni Vantaggiato, sia sull’emissione dell’ordinanza di custodia cautelare in carcere richiesta dai pm. Lo ha riferito Franco Orlando, legale dell’indagato. Le decisioni del gip potrebbero arrivare gia’ nel pomeriggio o nella giornata di domani.

ATTENZIONE: i commenti non sono moderati dalla redazione, che non se ne assume la responsabilità. Ogni utente risponderà del contenuto delle proprie affermazioni.