C’è un posto dove le idee di giovani provenienti da tutta la Puglia, prende forma. Un posto dove la creatività viene premiata, dando la possibilità di concretizzare progetti e proposte. Si tratta del Bollenti Spiriti Camp, la manifestazione che in questi giorni si tiene nelle Manifatture Knos di Lecce

e che raccoglie 227 tra associazioni, cooperative e imprese giovanili che presentano le proprie esperienze e si confrontano per produrre qualcosa di nuovo. Per una Puglia del futuro, a voler pensare in grande.
Sono ben 190 gli stand espositivi per altrettanti progetti che spaziano veramente in tutti i campi. Ci sono web radio, programmi di raccolta immagini, prodotti artigianali realizzati con materie prime e riciclate, idee per progetti ecosostenibili, associazioni di ciclo amici, c’è persino una Bonsai School e l’Happy Gift, la piattaforma social network per rendere i regali di compleanno una sorpresa.
Un vero e proprio “mercato delle idee” che possono facilitare, migliorare e arricchire il nostro quotidiano. E l’elemento principale è proprio il fatto che gli ideatori sono tutti giovani, provenienti da diversi comuni e province della Puglia, come a voler sfatare il mito delle nuove generazioni pigre e indolenti: i giovani di oggi non solo desiderano lavorare, ma inventano anche quel lavoro per far fronte ad una penuria sempre più pesante di posti.
“Nel BS Camp c’è il presente ed il futuro della Puglia. C’è la strada per uscire dalla crisi, quella che investe su creatività, innovazione, ricerca, formazione e competenza. E’ la strada vincente e in Puglia possiamo ben dire di aver individuato la strategia giusta”. A parlare è l’assessore alle politiche giovanili della Regione Puglia, Nicola Fratoianni che giovedì 31 maggio ha inaugurato il quinto Camp dei Bollenti Spiriti.
La manifestazione si snoda in tre giorni, due dei quali sono già stati dedicati ad altrettanti temi: il territorio e la conoscenza. Seguendo questi argomenti si sono susseguiti alcuni interessanti incontri sui beni culturali, sull’agroalimentare, su architettura, ecologia e ambiente, rifiuti, energia, territorio, sviluppo sostenibile (per quanto riguarda la giornata di giovedì); innovazione tecnologica, web e multimedia, comunicazione, editoria, scuola e formazione, imprenditorialità, moda e design, sono stati invece gli argomenti approfonditi ieri.
Oggi, ultimo giorno, si parlerà di cittadinanza. Un incontro dedicato alle politiche giovanili, vedrà di nuovo la presenza dell’assessore Fratoianni e del presidente della Regione Nichi Vendola, che chiuderanno la manifestazione nel pomeriggio.
Oltre ai progetti esposti tra l’altro su banchetti mobili a forma di carretto, per rimarcare l’immagine del “Mercato delle idee”, nei giorni del Camp sono state presentate le cosiddette “esperienze wow”, ovvero quei progetti che ce l’hanno fatta. Tra le imprese più famose, ricordiamo la Rete dei Caselli Sud Est che ha ridato vita alle piccole e dimenticate stazioni delle FSE disseminate per la provincia di Lecce. O l’azienda di Luciano Belviso e Angelo Petrosillo, che hanno rivoluzionato il settore dell’aeronautica leggera producendo ultraleggeri in fibra di carbonio. Sono questi e tanti altri i progetti che hanno potuto vedere la luce grazie al Bando Principi Attivi, che Bollenti Spiriti presenta ogni anno per sostenere le giovani idee e che ripropone ancora proprio in questi giorni di Camp, assieme ai Laboratori dal Basso, per imparare a fare impresa sostenibile.
Spazio anche a 18 eccellenze invitate da più parti d’Italia: come il Progetto Policoro, nato dalle proposte della Pastorale Sociale e del Lavoro e dalla Pastorale Giovanile, per aiutare i giovani imprenditori a fare impresa, spiegando loro come muoversi burocraticamente e dal prossimo anno, contribuendo anche grazie alla realizzazione di un Microcredito.
Il Bollenti Spiriti Camp è un’esperienza che davvero arricchisce di molto il panorama imprenditoriale del nostro territorio e non lascia nulla al caso: nel capannone delle Manifatture Knos, in questi tre giorni vi è anche una sezione apposita per l’incontro delle comunità dei Laboratori Urbani, detta Pensatoio e creata con lo scopo di creare nuovi spazi pubblici per i giovani ricavati dagli immobili dismessi di proprietà dei comuni pugliesi.
Oggi il BS Camp chiude i battenti e lo fa in grande stile con una serie di workshop dedicati al contrasto della criminalità organizzata, organizzati in collaborazione con Libera e Flare Network e poi con un concerto finale: sempre giovani talenti pugliesi che si esibiranno sul palco dei Bollenti Spiriti per dare una degna fine ad una delle più importanti manifestazioni create per i giovani da chi crede nei giovani.

 

NESSUN COMMENTO

LASCIA UN COMMENTO

3 × due =