In bar, in circoli, in sale-gioco: la presenza delle slot-machine è ormai fattore conclamato e diffuso, con indubbia incidenza anche sociale (si pensi a quante persone fruiscono costantemente di questi apparecchi, con conseguente dispendio di somme di danaro anche cospicue).

Ne consegue l’esistenza di una disciplina puntuale sulle autorizzazioni e sulla gestione di questi apparecchi, affidata al controllo delle Forze di Polizia. Questo tema è assai attentamente seguito anche dai Carabinieri della Compagnia di Campi Salentina, impegnati in periodici servizi mirati. E proprio un reparto dipendente, la Stazione carabinieri di Leverano, ha rilevato ultimamente irregolarità sanzionate con contravvenzioni per quasi 20.000 €. È toccato al circolo ricreativo “Relax Club”, sito nel pieno centro della cittadina salentina. Giunti lì per verifiche amministrative, i militari hanno infatti scoperto sei slot-machine in un vano del circolo, pienamente efficienti e – in quel momento – quasi tutte utilizzate da giocatori. Nessuna di loro, alle verifiche degli operatori, è risultata però provvista di documentazione prevista dal Testo Unico delle Leggi di Pubblica Sicurezza: tutte, infatti, mancavano del Nulla Osta di distribuzione in copia conforme, del Nulla Osta di messa in esercizio e dell’Informativa del Divieto di giocata per persone minori di anni 18. Ne è derivata la contestazione dell’illecito amministrativo, sfociata appunto nell’irrogazione di una contravvenzione complessiva di € 19.998; gli apparecchi, inoltre, sono stati sottoposti a sequestro.

NESSUN COMMENTO

LASCIA UN COMMENTO

1 × tre =