Cavezzo, cittadina del Modenese fortemente colpita dal sisma, si dedicherà da oggi alla lettura. Non sarà solo un semplice passatempo, l’iniziativa rappresenta soprattutto la solidarietà degli italiani tutti, da nord a sud, insieme per vincere la paura delle scosse.

Questa mattina sarà infatti inaugurata una bibliotenda attrezzata, dono dell’Istituto Comprensivo di Copertino. Un piccolo paese che ci rende onore grazie a questo importante progetto che raccoglie in se’ tutta la solidarietà e la sensibilità di una popolazione così lontana ma profondamente vicina col cuore agli sfollati dell’Emilia Romagna.
La struttura sorgerà nel giardino di una casa di riposo e rappresenta solo una delle tantissime iniziative volte al sostegno della popolazione e al recupero delle biblioteche danneggiate dal terremoto. La protezione civile ha ricevuto dall’ufficio stampa del Comune di Ferrara circa 10.000 volumi donati da diverse case editrici e in attesa di essere destinati, mentre il Comune di Cervia (Ravenna) ha messo a disposizione un bibliobus per i comuni dell’area del nord. Al momento non sono agibili diverse biblioteche presenti nella zona colpita, tra cui Mirandola, Finale Emilia, San Felice, Novi, Concordia e Cavezzo. Sono chiuse per lavori o per motivi secondari le strutture di Soliera, Bastiglia, Marano, Nonantola, Camposanto, San Prospero, Medolla e Modena.
La carenza venutasi a creare a causa di questo disservizio evidenzia l’importanza della lettura, della cultura e della qualita’ del tempo impiegato in questa attività. L’Istituto Comprensivo di Copertino offre oggi una grande opportunità agli sfollati, dimostrando che anche con poco l’unione fa la forza e che nonostante le distanze, la collaborazione e la benevolenza degli italiani rende il nostro paese un’unica grande e meravigliosa terra. Il nostro plauso va oggi a Copertino.

ATTENZIONE: i commenti non sono moderati dalla redazione, che non se ne assume la responsabilità. Ogni utente risponderà del contenuto delle proprie affermazioni.