Ancora un attentato contro un politico salentino. Il secondo nel giro di pochi giorni. Una bomba carta di piccolo potenziale, probabilmente un semplice gioco pirico, infatti, è esplosa nella notte davanti allo studio commercialista del Vicesindaco di Matino, Giorgio Toma, che si trova in via Maria Santissima Addolorata.

 

Le prime indicazioni parlano di un ordigno di basso potenziale, i danni infatti sono contenuti.
È il secondo attentato che avviene nel Salento, dopo la bomba carta fatta esplodere davanti al cancello della villa del Sindaco di Porto Cesareo,  Salvatore Albano, in via Amba Alagi.

Sull’accaduto indagano i carabinieri della compagnia di Casarano. Al momento nessuna pista viene esclusa

“Un vile e brutale gesto di violenza”. Il Coordinatore Provinciale del PDL Antonio Gabellone esprime “solidarietà e vicinanza personale all’amico Salvatore Jonny Toma, vittima nella notte di un episodio di violenza ai danni del suo studio professionale. L’episodio misterioso quanto preoccupante, anche per la potenza dell’ordigno piazzato dinanzi allo studio del ViceSindaco di Matino lascia esterrefatti per aver colpito un professionista serio, da sempre impegnato nella vita sociale e anche politica della sua realtà comunale e non solo. Mi auguro che le forze dell’ordine e le istituzioni demandate al controllo della legalità possano in tempi rapidi individuare gli autori di questo vile gesto di violenza”.

NESSUN COMMENTO

LASCIA UN COMMENTO

16 − sette =