Lecce si avvia verso l’estate e lo fa a passo di danza. È stata presentata questa mattina presso la sala giunta di Palazzo Carafa, la rassegna “Sogni in Movimento 2012”, quest’anno alla sua III edizione.

Alfarano, ancora Assessore in carica alla Cultura, prima dell’insediamento della prossima giunta, ha esposto con orgoglio la manifestazione che è stato uno dei progetti più riusciti della scorsa amministrazione. Il Comune, infatti, già nel 2010, aveva dato la possibilità alle scuole di danza della città di svolgere i propri saggi finali non solo nel chiuso dei teatri ma anche all’aperto, mettendo a disposizione la splendida location dell’Anfiteatro romano. Alla prima edizione avevano partecipato 11 scuole, ma già dallo scorso anno il numero di richieste è aumentato sensibilmente e quest’anno sono ben 28. L’amministrazione, per venire incontro alle esigenze di tutti, ha così messo a disposizione anche il chiostro dei Teatini e il Teatro comunale Paesiello.
Nella formulazione del programma è stata data priorità alle scuole ubicate nel territorio cittadino o con un bacino di utenza prevalentemente leccese (come ad esempio quelle di Castromediano); nelle date non richieste, comunque, è stato possibile anche inserire scuole della provincia, che ambiscono ad esibirsi in cornici prestigiose.
L’intento è quello di promuovere lo studio e la cultura della danza, un’arte capace di coinvolgere l’individuo nella sua totalità grazie all’educazione musicale, allo sviluppo fisico armonioso e alla maggiore consapevolezza in se stessi che essa apporta.
I costi organizzativi sono stati ripartiti tra le varie scuole partecipanti e l’Amministrazione Comunale che ha deciso di venire incontro alle necessità delle scuole e delle famiglie dei giovani danzatori che già per la loro preparazione e per la realizzazione dei saggi stessi devono fronteggiare ingenti spese.
I biglietti d’ingresso sono gratuiti e verranno distribuiti dalle scuole, per le famiglie dei ballerini, e al front-office del Castello Carlo V, per la cittadinanza, secondo il seguente calendario: il 5 giugno per gli spettacoli fino al 17 giugno; il 12 giugno per le esibizioni dal 18 al 24 giugno; il 19 giugno per quelli dal 25 al 30 giugno e il 26 per gli spettacoli che si terranno nel mese di luglio.
Il Comune di Lecce si conferma ancora una volta sensibile alle istanze culturali salentine, lanciando a pieno titolo la città barocca per il prestigioso riconoscimento comunitario di Capitale Europea della Cultura 2019.

Federica Nastasia

ATTENZIONE: i commenti non sono moderati dalla redazione, che non se ne assume la responsabilità. Ogni utente risponderà del contenuto delle proprie affermazioni.