E’ stata condannata a 9 anni in abbreviato Anna Maria Toraldo, accusata dell’omicidio preterintenzionale della zia 88enne di Trepuzzi Maria Toraldo, assassinata ad ombrellate lo scorso 20 dicembre.

Il processo si è svolto davanti al gup Giovanni Gallo, che ha pronunciato la sentenza su richiesta del pm Antonio Negro.

Indagini complesse hanno condotto i carabinieri di Campi Salentina a capire che, dietro quella che inizialmente sembrava una morte accidentale, ci fosse un delitto consumato tra le mura domestiche.

E’ stata la stessa imputata, assistita dagli avvocati Angelo Pallara e Anna Maria Caracciolo, ad affidare le sue verità ad un lungo memoriale, depositato dopo il suo arresto. Il rapporto conflittuale con la zia, a causa del suo difficile carattere, peggiorato con l’avanzare dell’età, fino all’ultimo litigio: la vittima avrebbe tirato con forza i capelli alla nipote che, accecata dalla rabbia, l’avrebbe poi colpita più volte con un ombrello in suo possesso, provocando la morte della donna.