Si è celebrato questa mattina l’incidente probatorio presso il Tribunale dei Minori nel corso del quale è stata ascoltata una ragazzina di 17 anni vittima di abusi da parte dello zio.

Davanti al gip Antonia Martalò e al sostituto procuratore Carmen Ruggiero, la minore ha confermato quelle attenzioni morbose da parte del parente in circa 30 minuti di ascolto. L’indagine prese le mosse all’inizio dell’anno quando il presunto molestatore, residente a Siena, venne arrestato con un provvedimento di ordinanza di custodia cautelare in carcere disposto dal gip Antonia Martalò e su richiesta del pm Carmen Ruggiero. Secondo quanto accertato dai carabinieri del capoluogo toscano, l’uomo avrebbe abusato della nipote durante un suo soggiorno in casa dei propri genitori nel Salento. Due i casi denunciati dalla minore. Nel primo, un palpeggiamento al seno, nel secondo una richiesta di una prestazione sessuale comprata al prezzo di 50 euro. La ragazza, però, denunciò quegli abusi consentendo agli inquirenti di avviare l’inchiesta.

 

NESSUN COMMENTO

LASCIA UN COMMENTO

7 + 17 =