La citta’ di Lecce ha un primato: quello di aver eletto il proprio santo protettore non solo anteriormente a che questi fosse proclamato ufficialmente santo dalla Chiesa, ma nientemeno prima della sua stessa morte.

Infatti, prima del decesso del pio gesuita Bernardino Realino, il consiglio municipale di Lecce si reca al suo capezzale e lo prega di accettare di divenire ufficialmente il protettore della citta’. I cittadini di Lecce, che avevano avuto la ventura di ospitare quel sant’uomo presso cui accorrevano discepoli da ogni parte d’Italia, temevano che la protezione del futuro santo fosse reclamata dalla cittadina di Carpi, dove Bernardino era nato il 1^ dicembre 1530.

loading...

NESSUN COMMENTO

LASCIA UN COMMENTO

uno × due =