Gregorio Durante, il 34enne detenuto originario di Nardo’, in provincia di Lecce, morto nel carcere di Trani lo scorso 31 dicembre avrebbe dovuto essere trasferito in ospedale per ricevere cure adeguate che probabilmente avrebbero evitato il decesso.

E’ questo l’esito della perizia medica depositata dai tre medici legali, Roberto Gagliano Candela, Biagio Solarino e Roberto Catanesi, che erano stati incaricati dalla Procura di Trani di eseguire l’autopsia per individuare la causa della morte. Durante e’ morto a causa di una broncopolmonite che ha provocato il soffocamento del detenuto.

 



CONDIVIDI