A partire dalle 21, questa sera, Franco Ungaro presenta il suo libro Lecce Sbarocca (Besa Editrice) insieme a Vittorio Gaeta, magistrato e Antonio De Mitri, scrittore e le letture di Michela Marrazzi, a Corigliano d’Otranto nel parco Sophia nel Paese della Meraviglia, il primo parco 3.0 dove Filosofia e Tecnologia riescono a dialogare, creando un percorso emozionale capace di far riflettere e divertire. Da fine giugno, e per tutti i fine settimana di luglio e agosto, il centro storico del Comune salentino si trasformerà in un teatro dove chiunque potrà trasformarsi in attore, regista o spettatore.

A seguire aperitivo con degustazione di vini.

Un po’ autobiografia, un po’ romanzo e un po’ cronaca teatrale, Lecce Sbarocca sorprende per la ricchezza degli argomenti e specialmente per lo sperimentalismo con cui frammenta il materiale narrativo, lo rimescola e lo aggrega con un piacevole disordine logico-temporale dentro una struttura aperta e mobile.Storia e cronaca locale, pagine autobiografiche, testi di canzoni, proverbi, aneddoti, raffinate citazioni di poeti e scrittori, pagine di diario, riflessioni sul teatro e sull’arte, memorie di viaggio, racconti d’amore e di malavita a puntate, proposte culturali, italiano e dialetto si susseguono in apparente disordine in questo piccolo zibaldone, ma come le tessere di un mosaico tracciano poco alla volta l’immagine preoccupante di un Sud che non vuole o non sa rinnovarsi. Ancora una volta l’amore-odio per questa terra e questa città anima l’impegno civile e le battaglie culturali di un operatore teatrale di lunga esperienza, conosciuto e stimato in Italia e all’estero, che ancora non si è rassegnato alla logica imperante della mercificazione e del profitto e non è disposto a condividere l’idea volgare e peregrina che “con la cultura non si mangia”.

 

 

 

loading...

NESSUN COMMENTO

LASCIA UN COMMENTO

cinque × quattro =