Dopo la decisione della Procura federale di deferire nell’ambito della vicenda del calcioscommesse 13 squadre di calcio tra cui il Lecce, il Codacons ha deciso di lanciare oggi una azione legale finalizzata a far ottenere a scommettitori e tifosi del Lecce il risarcimento ”per il pesante danno morale e materiale subito”.

Lo rende noto un comunicato. ”Il nostro scopo – spiega il presidente Carlo Rienzi – e’ far ottenere a tifosi e scommettitori delle partite truccate non solo il rimborso delle scommesse e dei costi sostenuti per biglietti dello stadio, abbonamenti alle pay-tv, spese per le trasferte, ecc., ma anche il risarcimento dei danni morali subiti per la buona fede tradita”. ”Attraverso questa azione, alla quale si puo’ aderire seguendo le istruzioni riportate sul blog www.carlorienzi.it, i tifosi della squadra – si sottolinea ancora – possono chiedere 500 euro di indennizzo a testa, agendo non solo nei confronti dei soggetti responsabili della truffa, ma anche delle squadre di calcio coinvolte e degli enti sportivi che avevano il compito di vigilare ed evitare il verificarsi di simili episodi”. L’associazione invita anche le societa’ specializzate in scommesse sportive, a loro volta danneggiate dal fenomeno del calcioscommesse, ad agire al pari di tifosi e scommettitori e chiedere un congruo risarcimento. Il modulo attraverso il quale si puo’ aderire alla richiesta di risarcimento e’ in rete da questa mattina sul blog www.carlorienzi.it

loading...

NESSUN COMMENTO

LASCIA UN COMMENTO

cinque × tre =