Foto Antonio Castelluzzo “L’azienda con serena convinzione respinge le accuse di incompetenza o di tendenziosità dei suoi dirigenti, riaffermandone la imparzialità che deve assistere ogni atto di pubblico ufficiale e il rigoroso perseguimento di interesse pubblico”.

Non le manda certo a dire il direttore generale della Asl, Valdo Mellone, a Salvatore Ruggeri, parlamentare dell’Udc, nelle sue vesti di proprietario della Consal, la zincheria di Muro Leccese finita nella bufera per lo sforamento dei limiti di diossina, secondo quanto accertato in seguito a rilevamenti di Arpa e Asl. La procedura era stata contestata da Ruggeri per le modalità di esecuzione e per il mancato rispetto della normativa regionale che impone il vincolo di preventiva diffida a rientrare nei limiti di emissione, che dovrebbe precedere l’interruzione del ciclo produttivo. Però, “è evidente che l’episodio si colloca totalmente al di fuori delle procedure invocate dall’impresa e riferibili alla legge regionale 44 del 2008, ma si inquadra appunto nelle procedure di urgenza a tutela della salute pubblica”, ribatte Mellone, che spiega in una nota: “Nel pomeriggio del 21 giugno, personale ispettivo del Sisp rilevava e documentava fotograficamente una notevole fuoriuscita di fumo nero dal tetto e dalle aperture dell’opificio.  Ne faceva segnalazione il giorno successivo al sindaco che, presane visione, la mattina di lunedì 25 giugno emetteva tempestiva ordinanza urgente di sospensione dell’attività. Detta ordinanza veniva revocata lo stesso giorno a seguito di dichiarazione dell’azienda sulla riferibilità dell’uscita di fumo ad un difetto di programmazione, subito rimosso, che aveva determinato l’arresto del sistema di aspirazione”. È questa la motivazione, secondo la Asl, per cui, “ferma restando la necessità di più approfonditi accertamenti, primo tra i quali l’eventuale difetto di contraddittorio che avrebbe potuto in astratto evitare l’arresto degli impianti”, si è dovuto procedere con urgenza, scavalcando l’applicazione della legge regionale n.44 del 2008.

NESSUN COMMENTO

LASCIA UN COMMENTO

2 × uno =