È arrivata l’ondata di calore più intensa della stagione, che durerà almeno fino al 15 luglio. La previsione è di Antonio Sanò, direttore del sito ‘ilmeteo.it’, e del meteorologo Francesco Nucera di ‘3bmeteo.com’. Quindi il Salento, dopo essere stato travolto da Scipione e Caronte, resterà avvolto in un caldo afoso

e le temperature nei prossimi giorni saliranno oltre i 35 gradi.
Nel week-end – spiega Sanò – l’anticiclone Caronte si farà da parte e avanzerà con prepotenza Minosse, il terzo anticiclone subtropicale sahariano dell’estate che puntera’ direttamente su Sardegna, Sicilia e poi al Sud. La massima potenza sarà raggiunta tra lunedì 9 e martedì 10 ma proseguirà almeno fino al 15 luglio con record di caldo. Si raggiungeranno i 42 gradi nel Campidano in Sardegna, nella piana di Agrigento in Sicilia, nel materano in Basilicata e nel Foggiano in Puglia. E anche Roma con i suoi 38 gradi non sarà da meno.
Secondo Francesco Nucera di 3bmeteo.com l’ondata di calore piu’ intensa della stagione “avverrà in due riprese. Il primo picco di caldo sarà raggiunto tra domenica 8 e lunedì 9 luglio. Il secondo picco si registrerà tra l’11 ed il 13 luglio e farà caldissimo. Risulteranno ‘bollenti’ campidano, ragusano, ennese, agrigentino, cosentino, foggiano e materano con valori sino a 40-42 gradi. Il caldo si farà sentire anche sul resto d’Italia soprattutto su zone interne di Lazio, Toscana, Umbria, Emilia Romagna e Veneto con picchi di 35-38gradi”. “Fa riflettere – aggiunge Nucera – come tre intense ondate di calore siano avvenute di seguito e in poco tempo. In passato le ondate di calore duravano di meno ed erano intervallate da periodi più freschi ed instabili”. Per il metereologo, infine, “le estati sono divenute più calde negli ultimi trent’anni con un riscaldamento che è stato più veloce nel decennio 2000-2009”.

NESSUN COMMENTO

LASCIA UN COMMENTO

4 × quattro =