Espen Kofstad ha vinto, con 271 colpi (72 69 65 65), nove sotto par, il DoubleTree Hilton Acaya Open, torneo in calendario nel Challenge Tour e nel Pilsner Urquell Pro Tour, il circuito delle gare nazionali, che si e’ disputato sull’impegnativo percorso del DoubleTree Hilton Acaya Golf Club.

Il 25enne norvegese, professionista dallo scorso anno, ha centrato il primo titolo nel circuito superando nel finale il danese Joachim B. Hansen (272, -8) e il finlandese Roope Kakko (274, -6), con il quale condivideva la leadership dopo tre giri. Dietro il trio di testa si sono classificati tre inglesi: Matthew Southgate, quarto con 275 (-5), Lloyd Kennedy, quinto con 276 (-4), e Chris Paisley, sesto con 277 (-3) alla pari con lo spagnolo Eduardo de la Riva e con i francesi Christophe Bazillier e Anthony Snobeck. Il migliore degli italiani e’ stato Marco Crespi, che ha occupato il 16° posto con il 280 del par (80 64 68 68) dopo una paziente rimonta iniziata dalla 132esima posizione a seguito di un 80 (+10) di partenza. Hanno finito in crescendo Matteo Delpodio, 28esimo con 282 (+2), e il 16enne Domenico Geminiani, 31esimo con 283 (+3), mentre ha ceduto Alessandro Tadini che ha chiuso in 34esima posizione con 284 (+4). Sono rimasti nelle retrovie Alessio Bruschi, 46esimo con 287 (+7), Benedetto Pastore, 50esimo con 288 (+8), e il dilettante Filippo Zucchetti, 54esimo con 289 (+9).

NESSUN COMMENTO

LASCIA UN COMMENTO

otto + 5 =