Coerentemente a quanto sostenuto subito dopo la sua proclamazione, il sindaco Francesco Errico ha posto la questione della pulizia della città per il periodo estivo tra i primi atti approvati dal proprio esecutivo.

Per la precisione la prima delibera approvata dall’Amministrazione Errico ha avuto per oggetto l’approvazione del “Piano Estate 2012” relativo al potenziamento del servizio di raccolta rifiuti, raccolta differenziata, pulizia stradale e pulizia delle spiagge. Il progetto partirà dal prossimo 12 luglio – al fine di consentire alla ditta che attualmente gestisce il servizio di igiene urbana di implementare le proprie strutture per ottemperare all’aumento del servizio richiesto dall’esecutivo cittadino – ed avrà la durata di due mesi. Un progetto su cui l’impegno del primo cittadino è maturato subito dopo il proprio insediamento e quindi prima della formazione della Giunta, data la ristrettezza dei tempi tra la sua nomina e l’arrivo dei mesi balneari. “Come dichiarato all’atto della mia proclamazione – ha detto il sindaco Errico – la questione legata alla pulizia ed al decoro della città in un periodo, come quello estivo, dove è sin troppo evidente l’aumento esponenziale del carico antropico di turisti e villeggianti, era prioritaria ed indifferibile e non è un caso che sia stato il primo atto della mia Amministrazione. L’obiettivo del deliberato è quello di non far trovare la città impreparata, a livello di igiene urbana, nei mesi in cui la propria immagine è maggiormente esposta al giudizio dei numerosissimi visitatori”. Il servizio punterà in modo particolare sulla pulizia delle spiagge e sul potenziamento del numero dei compattatori utilizzati per la raccolta dei rifiuti, proprio al fine di garantire una pulizia puntuale del territorio. Nello stesso atto deliberativo, inoltre, il sindaco Errico – che tra le sue deleghe ha anche quelle alla Gestione dei Rifiuti ed all’Ambiente – ha voluto mettere nero su bianco anche la data di apertura dell’ecocentro di via Pasolini, fissata pertanto all’1 agosto. “Ho ritenuto doveroso farlo – ha concluso – per una forma di rispetto nei confronti della cittadinanza, che deve avere una data certa dalla quale poter conferire rifiuti ingombranti e particolari, al fine di dare il proprio contributo civico nella tutela ambientale della nostra città”.