Da domani, sabato 14 luglio e fino al 16 luglio, il Comune di Novoli, ospita “Il Forno in piazza” – Festa con il grano duro “Senatore Cappelli”, manifestazione organizzata da Comune di Novoli, Comitato Feste patronali, Fondazione “Fòcara di Novoli”, Associazione “I custodi di Olivinopoli”, Coldiretti Lecce, Associazione dei Dottori in Scienze Agrarie e Forestali della Provincia di Lecce (Adaf), la Repubblica Salentina, Aziende agroalimentari di Novoli e Pro Loco di Villa Convento, con il patrocinio della Provincia di Lecce.

L’iniziativa, che ha l’obiettivo di promuovere il ritorno nei campi del Salento di un grande protagonista della nostra tavola e della dieta mediterranea, il grano duro Senatore Cappelli, rientra nell’ambito dei festeggiamenti patronali in onore della “Madonna del Pane” che, secondo fonti di ricerca storica, si rinnova da più di trecento anni, in onore della Madonna apparsa a Novoli nel 1707, per dispensare un pane miracoloso che salvò l’antico borgo afflitto da un’epidemia pestilenziale.

Per l’evento, in Piazza Regina Margherita, saranno allestiti stand dove i visitatori potranno degustare tante specialità culinarie, a partire dalle “pucce” della rinomata Pro Loco di Villa Convento, realizzate per la Festa con la farina integrale del grano Senatore Cappelli, ed accompagnate dall’olio d’oliva extravergine della Terra d’Otranto, prodotto estemporaneamente in piazza, da spremitura a freddo di olive celline di Nardò e dell’ogliarola salentina, a cura dell’Associazione i custodi di Olivinipoli. Si svolgeranno, inoltre, interessanti prove dimostrative dal vivo dell’intero ciclo di trasformazione del grano e della produzione del pane e dell’olio.

Sempre domani, sabato 14 luglio, alle 19.30, nel Teatro Comunale in piazza della Repubblica a Novoli, si terrà una tavola rotonda intitolata “Il grano duro Senatore Cappelli e le sue magiche proprietà organolettiche”. I lavori saranno aperti dai saluti del sindaco di Novoli Oscar Marzo Vetrugno e dell’assessore all’Agricoltura della Provincia di Lecce Francesco Pacella. Seguiranno gli interventi di Michele Stanca, docente dell’Università di Modena e Reggio Emilia, studioso di fama internazionale dell’orzo e del grano, e autore di oltre 350 pubblicazioni su riviste scientifiche nazionali e internazionali; Donato Caroppo, imprenditore agricolo del panificio Caroppo di Specchia Gallone, esperto produttore e panificatore del grano Senatore Cappelli; Pantaleo Piccinno, presidente di Col diretti – Lecce; Giuseppe Ferro, agronomo dell’Accademia dei Georgofili di Firenze; Patrizia Zecca, nutrizionista e dietologa; Angelo Amato, presidente dell’Associazione “I custodi di Olivinopoli”. Modera Antonio Bruno, presidente dell’Associazione dei Dottori in Scienze Agrarie e Forestali della Provincia di Lecce.

Il grano Cappelli, considerato il padre del grano duro e definito negli anni ‘30 “razza eletta”, é un grano duro rustico che detiene eccellenti qualità nutrizionali ed un alto valore proteico. E’ una varietà di grano duro, selezionata nei primi del ‘900, dallo scienziato italiano Nazareno Strimpelli, come la più resistente e produttiva, adatta ai nostri climi, caratterizzata dal gambo altissimo che arriva fino a 180 cm. La tipologia del “Senatore Cappelli” ha un’ottima resa e un apparato radicale così esteso da soffocare naturalmente le erbe infestanti che possono danneggiarlo. Nei primi anni ‘60 ha avuto una flessione di consumo in concorrenza con l’arrivo di altri grani duri sostenuti dalle multinazionali.

ATTENZIONE: i commenti non sono moderati dalla redazione, che non se ne assume la responsabilità. Ogni utente risponderà del contenuto delle proprie affermazioni.