Una delegazione di alcune decine di lavoratori dell’Ilva di Taranto e’ entrata nell’aula del consiglio comunale del capoluogo ionico, dove tra qualche minuto comincera’ la riunione dell’assemblea cittadina.

Nel corso del consiglio, dovrebbero essere decise iniziative sulla delicata vicenda del siderurgico, su cui grava un provvedimento di sequestro disposto dalla magistratura tarantina e non ancora eseguito. La riunione era stata convocata per le 9 ma nell’arco di due ore si sono succedute riunioni di tutti gruppi consiliari prima e poi solo di quelli di maggioranza, per definire un documento unitario da sottoporre all’approvazione del consiglio. A quanto si e’ saputo, pero’, l’accordo non e’ stato raggiunto e il documento avra’ il solo appoggio della maggioranza di centro sinistra. Dal punto di vista dell’ordine pubblico, oggi a Taranto e’ una giornata tranquilla: i lavoratori hanno ripreso la normale attivita’ in fabbrica mantenendo solo due ore di sciopero per ogni turno e non vi e’ traccia dei blocchi stradali, che dopo le proteste della settimana scorsa sono stati tolti sabato. C’e’ inoltre attesa per eventuali decisioni che potranno scaturire da un incontro che – secondo quanto si e’ appreso – dovrebbe essere avvenuto in mattinata tra il procuratore generale di Lecce, Giuseppe Vignola, e rappresentanti aziendali dell’Ilva.