“Le chilometriche liste d’attesa della sanità pugliese toccano punte di vero e proprio scandalo. L’ultimo caso è quello di una donna salentina a cui il 25 giugno scorso è stata prescritta una risonanza magnetica dell’encefalo e chiamando il CUP

per prenotare, ha avuto appuntamento per il 24 giugno 2013, quindi tra un anno”.
Lo denunciano in una nota i consiglieri regionali salentini del centrodestra, Rocco Palese, Antonio Barba, Andrea Caroppo, Erio Congedo, Roberto Marti e Mario Vadrucci.
“È vergognoso  – dichiarano gli esponenti del centrodestra – che in tutta la Asl di Lecce la prima data disponibile per un esame così serio e delicato sia tra un anno, ed è ancor più vergognoso ricordare le promesse del Governo Vendola che in questi sette anni e mezzo ha più volte garantito che avrebbe prima dimezzato poi addirittura azzerato le liste d’attesa che invece sono chilometriche. A questo si aggiunge il fatto che i cittadini pugliesi continuano a pagare 338 milioni di euro l’anno di tasse regionali aggiuntive per ricevere in cambio servizi sanitari praticamente inesistenti e la situazione del Salento è forse la più drammatica di tutta la Puglia specie se si considera che nel periodo estivo l’utenza degli ospedali è anche triplicata rispetto al resto dell’anno”.
“Chiediamo all’assessore Attolini – concludono i consiglieri – di intervenire con un piano serio e concreto di abbattimento delle liste d’attesa onde evitare scandali come questo di un anno di attesa per un risonanza magnetica”

NESSUN COMMENTO

LASCIA UN COMMENTO

3 − 2 =