Foto Jessica Niglio“L’Italia che piace nell’estate 2012: il turismo ambientale ed enogastronomico”, lo ha affermato il presidente coldiretti Sergio Marini. Se il turismo del bel paese quest’anno sembrava affondare a causa della crisi, a salvarci è proprio la nostra buona cucina.

L’enogastronomia italiana conquista stranieri ed italiani stessi,che quest’anno hanno deciso di trascorrere le tanto attese ferie estive proprio nel nostro paese. A valorizzare il territorio i prodotti tipici di ogni regione, ma anche l’ambiente che continuano ad avere valore assoluto, nonostante la crisi e nonostante un mondo lontano dalle tradizioni.
Coldiretti ha stilato una classifica regionale sulla base dei prodotti agroalimentari tradizionali dove spicca la Toscana con 465 specialità. Secondo Coldiretti, per piu’ di un italiano su tre (35 per cento) dipende infatti proprio dal cibo il successo della vacanza. Complessivamente lungo la penisola sono stati censiti 4.671 prodotti tradizionali dei quali quasi il 10 per cento si trova appunto in Toscana, al primo posto con le sue 465 specialit… ottenute secondo regole tradizionali protratte nel tempo per almeno 25 anni. Tra le tante spiccano la torta di Villa Basilica, una torta salata e piccante a base di riso, ed il toscanissimo prosciutto di cinta senese. Il secondo posto con 384 prodotti recuperati se lo aggiudica il Lazio. Terze a pari merito, con 370 prodotti tradizionali, Campania e Veneto. Seguono Piemonte (363 prodotti), Liguria (295) e l’Emilia-Romagna che, con ben 28 nuove denominazioni, ha stabilito il record di incremento del 2012 raggiungendo quota 285. La classifica prosegue con Calabria (269), Lombardia (242), Sicilia (234), Puglia (231), Sardegna (178), Molise (159), Friuli-Venezia Giulia e Marche (150), Abruzzo (147), la provincia autonoma di Trento (109), quella di Bolzano (92), Basilicata (77), Umbria (69) e Val d’Aosta.
Ancora una volta il Salento è la meta preferita da tutti gli italiani per le vacanze, tanto da essere paragonato alle invidiabili Maldive, grazie ai posti unici bagnati dallo Ionio e dall’Adriatico, l’immenso patrimonio artistico e culturale e ovviamente l’ottima cucina: le orecchiette, turcinieddhri, purceddhruzzi, le seppie alla gallipolina.
La cucina salentina e la pugliese sono quella tipica mediterranea che si arricchisce dei profumi e dei sapori del mare e della terra.
Per tutto questo, il turismo enogastronomico nel 2012 cresce e supera i cinque miliardi di fatturato diventando il vero motore della vacanza Made in Italy.

ATTENZIONE: i commenti non sono moderati dalla redazione, che non se ne assume la responsabilità. Ogni utente risponderà del contenuto delle proprie affermazioni.