Grande partecipazione, quella di ieri sera, alla cerimonia pre – olimpiadi organizzata dall’Amministrazione Comunale e dal Comitato Provinciale di Lecce della Federazione Italiana di Atletica Leggera, e dedicata all’atleta galatonese Daniele Greco, giovanissimo atleta di soli 23 anni che fra sette giorni farà il suo esordio alla XXXma edizione dei Giochi Olimpici 2012 di Londra,

unico salentino che avrà la possibilità di partecipare alla gara più importante e prestigiosa per mondo dell’atletica leggera. Confermato attualmente come atleta italiano di punta nel salto triplo, nella sua carriera ha conquistato numerose medaglie e il suo ultimo primato personale al chiuso risale ai mondiali indoor di Istanbul, dove con la misura di 17,28 metri, ha legittimato la sua partecipazione alle Olimpiadi di Londra 2012.
Alla cerimonia hanno preso parte numerosi rappresentanti della Federazione Italiana di Atletica Leggera della Provincia di Lecce, alcuni presidenti di associazioni galatonesi, la Polizia di Stato, il Sindaco di Galatone Livio Nisi e il Presidente della Provincia Antonio Gabellone: “Questo è un momento di onore sia per la Città di Galatone, ma anche per tutta la Provincia di Lecce” afferma il Sindaco di Galatone, Livio Nisi “Daniele è l’unico salentino dell’atletica leggera che parteciperà all’Olimpiadi di Londra 2012. Galatone si prepara a questo evento unico cercando di augurali un grosso in bocca a lupo, mostrandoci entusiasti per i traguardi che Daniele ha raggiunto fino adesso e speranzosi per quello che potrà ancora fare, portando avanti sia i valori di Galatone, ma soprattutto del nostro Salento. Penso che Daniele sia maturo per darci questa grande soddisfazione, per tanto, siamo tutti vicino a lui in questo momento di grande importanza per la sua carriera di atleta, sperando che al suo ritorno si possa organizzare una grandissima festa, coinvolgendo l’intera provincia alla manifestazione”. “Avere atleti nel Salento come Daniele Greco è straordinariamente importante e questo per molteplici aspetti” asserisce il Presidente della Provincia Antonio Gabellone “sia per la promozione e per il marketing del territorio, poiché sapere che un salentino, un ragazzo di Galatone, possa vincere le Olimpiadi, può rappresentare una promozione straordinaria per questo territorio; e sia per promuovere lo sport in generale e nel caso specifico la disciplina del salto triplo, facendo in modo che i ragazzi possano così abbandonare la strada e dedicarsi invece allo sport che è sinonimo di onestà, correttezza, solidarietà. Una vittoria di Greco è importante, anche perché significherebbe poter emulare questi grandi campioni e quindi essere uomini nella vita; il compito di Daniele non sarà solo quello di portare a casa una medaglia, ma sarà anche quello di riuscire a far crescere questo territorio”. Alla cerimonia era anche presente l’intera famiglia dell’atleta: “Siamo molto orgogliosi di nostro figlio” afferma con grande emozione la mamma di Greco, la signora Pina “Daniele deve molto al suo allenatore Raimondo Orsini (Allenatore della società sportiva Kinesis Palaia Salento di Matino), è lui che l’ha scoperto e allenato in questi anni, ed è sempre con lui che Daniele ha raggiunto traguardi importanti, come le Olimpiadi. Purtroppo, non andremo a Londra, avremmo tanto voluto esserli accanto, ma la mancata conoscenza della lingua inglese ci ha impedito di fare il biglietto e partire con lui; andare a Londra significava per noi dover affidarci a lui per spostarci nella Città e per tanto non volevamo essere d’intralcio nella sua preparazione, in quanto ha bisogno di tanta concentrazione per affrontare questa gara importantissima. Comunque lo seguiremo in tv, anche se con il cuore e l’anima staremo lì di fianco a lui a sostenerlo; e poi Daniele non è mai da solo” si emoziona la signora Pina, riferendosi a suo figlio e nonché fratello di Greco morto anni fa in un incidente sul lavoro “ha sempre un angelo che lo segue e lo proteggerà e che gli darà forza per affrontare queste Olimpiadi”.
Altrettanto emozionato appare Daniele Greco: “E’ da nove mesi che mi preparo a compiere questa gara ed è per me grande emozione e grande onore rappresentare l’Italia in primis e poi naturalmente il Salento alle Olimpiadi; fin da piccolo ho sempre pensato che l’atletica leggera sia lo sport regina dei Giochi Olimpici, senza però togliere niente agli altri. In queste grandi competizioni, in realtà, lo scoglio più difficile è proprio la qualifica, perché spesso sono proprio le qualificazioni che eliminano i grandi leader; per tanto, l’emozione e la tensione è paradossalmente maggiore rispetto a una finale, perché durante le qualifiche bisogna sempre stare attendi a non sbagliare e volte proprio la paura di poter sbagliare che ti porta a compiere errori. La mia passione per l’atletica è nata per caso; devo tanto al mio allenatore e Professor Raimondo Orsini, che mi ha scovato nove anni fa con i Giochi della Gioventù, e da quel momento in poi è nato tra di noi un rapporto che è molto più del semplice rapporto allenatore – allievo. So di aver avuto già parecchie soddisfazioni e non ultima quella di poter partecipare ai Giochi Olimpici, ma spero di poter compiete tanti altri traguardi, consapevole che c’è bisogno di tanto lavoro, costanza e umiltà”. “Mi sono allenato molto in questi settimane e so di poter arrivare alla gara nelle migliori condizioni” continua Greco “tutto sta procedendo molto bene, così come c’eravamo prefissi; ora in quest’ultima settimane perfezioneremo il lavoro fatto fin oggi, per poi essere al meglio pronti per affrontare le Olimpiadi. So di essere tra i primi nel ranking mondiale del salto triplo e questo per me è già qualcosa di assurdo; ecco perché per ora non voglio pensare di avere la possibilità di vincere una medaglia, in quanto voglio concentrarmi in primis per le qualifiche, poi una volta entrato in finale mi giocherò il tutto per tutto e soprattutto mi giocherò tutti questi nove anni di duro lavoro, sperando di poter salire sul podio. Voglio ringraziare tutte le persone e i concittadini che sono venute qui questa sera per augurarmi un “in bocca a lupo” e sinceramente non mi aspettavo la presenza di tanta gente; ed è proprio grazie a questo loro calore che oggi mi rendo conto di cosa significa fare le Olimpiadi, e questo sarà per me uno stimolo in più per fare bene, perché so che quando mi troverò a Londra ad affrontare la gara, non ci saranno soltanto gli 80 mila spettatori nello stadio, ma ci saranno anche tanti amici, famigliari e concittadini che da lontano faranno un tifo affettuoso per me, e questo mi emoziona e mi rende tanto orgoglioso. Ecco perché cercherò di ricambiarli con un bel risultato”.
Daniele Greco affronterà la qualifica del salto triplo Martedì 7 Agosto alle 11.45 ore italiane (10.45 a Londra).

 

ATTENZIONE: i commenti non sono moderati dalla redazione, che non se ne assume la responsabilità. Ogni utente risponderà del contenuto delle proprie affermazioni.