Si  è avvalso della facoltà di non rispondere in apertura della 21esima udienza del processo in Corte di assise Giovanni Buccolieri, il fioraio di Avetrana, presunto testimone oculare del rapimento di Sarah Scazzi, la 15enne uccisa ad Avetrana, in provincia di Taranto, il 26 agosto del 2010.

L’uomo in un primo momento riferì agli inquirenti di aver visto la scena della ragazzina mentre veniva caricata a forza dalla zia Cosima Serrano, una delle due principali imputate, sulla Opel Corsa station wagon. Poi ritrattò spiegando che si era trattato di un sogno. Buccolieri è indagato in procedimento connesso per false dichiarazioni ai pm. Oggi sono previste anche le audizioni, in qualità di testimoni dell’accusa, delle due imputate: Cosima Serrano, zia della vittima, e Sabrina Misseri, figlia della prima e cugina di Sarah, accusate entrambe di concorso in omicidio volontario, sequestro di persona e soppressione di cadavere, ma quasi certamente si avvarranno anche loro della facoltà di non rispondere. Tra le testimoni che hanno deposto finora Anna Lucia Pichierri moglie di un altro imputato, Carmine Misseri, fratello di Michele, accusato di concorso in soppressione di cadavere. La sua testimonianza si e’ incentrata in particolare sul ruolo dell’ex avvocato di Sabrina, Vito Russo. Al termine della sua testimonianza il procuratore aggiunto Pietro Argentino ha chiesto la trasmissione degli atti al suo ufficio per un’eventuale incriminazione di falsa testimonianza.

loading...

NESSUN COMMENTO

LASCIA UN COMMENTO

dodici + venti =