foto A. CastelluzzoDal prossimo mese di settembre l’associazione “Masserie Didattiche Grande Salento”, che riunisce le strutture riconosciute dalla Regione Puglia (ai sensi della legge regionale n. 2 del 2008) con finalità di promozione del territorio, del mondo rurale e della educazione alimentare, realizzerà a favore degli ospiti della Comunità Riabilitativa Assistenziale Psichiatrica (CRAP) “Villa Libertini” una serie di laboratori didattici, sia in sede che presso le masserie didattiche, che trasferiranno agli utenti nuove competenze. a presentarlo questa mattina il direttore generale Asl Lecce, Valdo Mellone e l’assessore regionale Dario Stefàno

“La trasformazione dell’idea manicomiale – dichiara Valdo Mellone – è un lungo processo ancora Le Masserie Didattiche per la riabilitazione dei pazienti psichiatrici: parte l’ambizioso progetto didattico, unico esempio in Puglia, che coinvolge l’iniziativa “OrtoPorto” di Villa Libertini, struttura riabilitava della Asl Lecce.

“La campagna, l’agricoltura, il territorio rurale – dichiara l’assessore regionale alle Risorse Agroalimentari Dario Stefàno –  sono la nostra storia più antica e per noi è impossibile immaginare un futuro senza un rapporto fecondo con quel passato. Un futuro che passa da un presente in cui tutti impariamo a riappropriarci delle nostre radici: grandi, piccini, anziani, diversamente abili, uomini e donne che cercano il reinserimento sociale, tutti si arricchiscono della terra generosa e solidale di Puglia. Tutto questo grazie alla nuova figura dell’agricoltore che nell’ottica della multidisciplinarietà svolge un fondamentale ruolo pedagogico, trasferendo saperi e sapori della nostra tradizione contadina”.

Il programma delle attività prevede la raccolta e trasformazione di pomodori da salsa, la coltivazione di un orto sinergico, la raccolta di frutti e loro trasformazione in marmellate, la raccolta e molitura di olive, la panificazione, il confezionamento dei prodotti da commercializzare. L’obiettivo è quello di incrementare le competenze dei pazienti psichiatrici, con la prospettiva di aprire all’ipotesi di una produzione a fini commerciali dei prodotti, con potenziale sviluppo occupazionale fino alla formazione di una cooperativa sociale di tipo B, ed un auspicabile reinserimento nel mondo produttivo, alla fine di un percorso riabilitativo psichiatrico.

Grazie al sostegno economico di alcune realtà produttive locali (le aziende vinicole Candido e Cantele, la farmagricola Bello, il Caseificio S. Lazzaro, il Birrificio B94, e la gastronomia La Buona Tavola) sono stati raggiunti i seguenti risultati: Un orto ad impronta biologica (con produzione collaterale di compost) guidato dall’operatore CRAP e perito agrario Pacifico Greco.

I “laboratori del gusto” per incrementare le competenze percettive, tenuti dalla giornalista Maura Cesaria in qualità di esperta di educazione alimentare e ambientale di Slow Food. La produzione di alimenti da forno e dolci tradizionali grazie all’esperienza di cuoco dell’operatore CRAP Maurizio Macchia.

Un forno di pietra, esito dei proventi di un’iniziativa tenuta presso la CRAP il 26 maggio scorso, giornata mondiale Slow Food, data dalla quale vede la sede della Condotta Slow Food di Lecce, ufficialmente ubicata in un locale della CRAP “Villa Libertini”.

Il progetto, che è stato armonizzato all’interno della cornice riabilitativa dal tecnico della Riabilitazione Psichiatrica Chiara Reho, ha avuto il sostanziale apporto dell’Ufficio Relazioni con il Pubblico della ASL Le, nella persona della dottoressa Sonia Giausa, che ne ha assicurato la conoscenza e diffusione nel territorio, con il coinvolgimento di agenzie, associazioni ed Enti.

Essenziale il supporto volontario del gruppo scout AGESCI Lecce/3 e il sostegno affettuoso di Pino De Luca.

Per informazioni dott.sa Sonia Giausa ASL LE – Ufficio Relazioni con il Pubblico

ATTENZIONE: i commenti non sono moderati dalla redazione, che non se ne assume la responsabilità. Ogni utente risponderà del contenuto delle proprie affermazioni.