Si è impossessata di un cellulare ma è stata incastrata dai fotogrammi della telecamera di videosorveglianza. È accaduto intorno alle 13.30 di oggi, quando la polizia è intervenuta in piazzetta Vittorio Emanuele II, presso l’attività commerciale denominata “Profumo di Pane”, dove, poco prima, era avvenuto il furto.

Sul posto, i poliziotti, insieme alla responsabile del negozio, visionava le immagini del sistema di videosorveglienza, constatando che l’autore del furto, che aveva approfittato di un momento di distrazione dell’esercente per impossessarsi di materiale presente nel negozio e di un cellulare con relativa scheda SIM, era una ragazza dall’apparente età di circa 30 anni, di corporatura esile, con i capelli di colore nero legati a coda.

Le immediate ricerche consentivano di individuare la malfattrice, poi identificate per C.S, di Leverano, di anni 32, con precedenti specifici, in via Libertini.

Le successive attività di polizia, consentivano di rinvenire all’interno di un sacchettino di plastica custodito nella sua borsa, il cellulare poco prima asportato.

Vistasi scoperta la ragazza ammetteva di essere l’autrice del furto, mostrando ai poliziotti anche alcuni abiti che indossava nelle fasi della ruberia e che non vestiva più in quel momento, consapevole della presenza del sistema di videosorveglianza in negozio, sperando così di riuscire a passare insosservata.

La donna, accompagnata in Questura per gli atti di rito, sentito il P.M. di turno, veniva denunciata in stato di per il reato di furto.

loading...

NESSUN COMMENTO

LASCIA UN COMMENTO

2 + venti =