Avevano rubato e caricato su un camion 2 tonnellate di rame ma sono stati scoperti e arrestati. Si tratta di Palmieri Cosimo, 38enne, e Attanasio Savio, 33enne, entrambi leccesi e già noti alle forze dell’ordine.

L’episodio è avvenuto la notte scorsa, intorno all’una,  all’interno di un’azienda di Lequile, lo stabilimento “Chevin” che si trova in località “La scomunicata”, in prossimità della SS101. I due malviventi, insieme a un terzo complice, rimasto uccel di bosco, avevano rubato e caricato su un camion il bottino, 20 quintali di cavi in rame, gli strumenti usati per lo scasso e due PC portatili, ma non avevano fatto i conti con il custode, un cinquantenne di Monteroni. L’uomo, infatti, insospettito dalla presenza di un furgone,  all’interno della recinzione dello stabilimento, ha immediatamente chiesto aiuto ai carabinieri, che intervenuti prontamente sono riusciti a bloccare i due arrestati, mentre il terzo complice è riuscito a scappare, sfondando la recinzione, a bordo del furgone, poi abbandonato con l’intero bottino, in una zona agricola di Lequile.
Le indagini successive hanno permesso ai carabinieri di Lecce di ricostruire l’esatta dinamica degli eventi e di identificare anche il terzo complice, tuttora ricercato e non trovato presso il suo domicilio. I due malviventi sono stati accompagnati a Borgo San Nicola.
Continuano le ricerche del terzo complice.

ATTENZIONE: i commenti non sono moderati dalla redazione, che non se ne assume la responsabilità. Ogni utente risponderà del contenuto delle proprie affermazioni.