Senza sosta i controlli della guardia costiera di Otranto, al comando del   Tenente di Vascello Amato, finalizzati al contrasto delle attività abusive sul demanio marittimo.

Le ultime verifiche, effettuate insieme agli uomini dell’Ufficio Tecnico del Comune di Melendugno, ha portato al sequestro di un’ intera area di circa 500 metri quadri, retrostante lo stabilimento balneare “Chicalinda” a San Foca, attrezzature di accoglienza e di intrattenimento comprese.
Avvisati da una segnalazione, i militari hanno infatti posto sotto sequestro tavolini, sedie, gazebo, poltroncine, divanetti, pedane, un prefabbricato in legno, casse acustiche, l’impianto di illuminazione ed una sala regia: l’area demaniale, non in concessione, era infatti utilizzata come discoteca. Inoltre, da un successivo controllo in spiaggia, sono stati altresì sequestrati 4 ombrelloni e 8 lettini anch’essi posizionati su un tratto di spiaggia non in concessione, e quindi da mantenere libera. I tecnici del Comune hanno verificato i limiti concessori, effettuando gli opportuni rilievi e le verifiche documentali insieme ai militari della Guardia Costiera.
Il titolare della concessione è stato quindi deferito alla Procura della Repubblica di Lecce per occupazione abusiva di suolo demaniale marittimo.

ATTENZIONE: i commenti non sono moderati dalla redazione, che non se ne assume la responsabilità. Ogni utente risponderà del contenuto delle proprie affermazioni.