Due tavoli per la stessa vertenza. Due tavoli che lacerano quella che è stata una lotta unitaria. Sullo sfondo le elezioni per i rappresentanti sindacali di base, un vero e proprio braccio di ferro che per Sanitaservice, la società in house che gestisce i servizi di pulizia

e il servizio informatico della Asl di Lecce, fa riemergere vecchie ruggini tra i sindacati confederali allargati da un lato e Usb dall’altro. Al centro non solo i nodi irrisolti relativi all’organizzazione del personale e all’aumento dell’orario di lavoro, che in alcuni casi non supera le 18 ore settimanali, ma anche le spine della rappresentatività. Per ora, infatti, esistono solo dei referenti di plesso individuati temporaneamente della direzione dell’azienda. Dal 1’ ottobre al 26 novembre, però, si svolgeranno le elezioni per le Rsu. È quanto deciso nell’incontro di oggi, presso l’Ospedale “Vito Fazzi” di Lecce, tra l’amministratore unico Luigi De Santis e le organizzazioni sindacali Cgil, Cisl, Uil, Ugl, Cisal, firmatarie del contratto della sanità privata applicato nella società inhouse. Il 5 luglio, invece, si terrà l’incontro con i rappresentanti dell’Unione sindacale di base, ottenuto dopo tre giorni di occupazione della sede della direzione generale.

ATTENZIONE: i commenti non sono moderati dalla redazione, che non se ne assume la responsabilità. Ogni utente risponderà del contenuto delle proprie affermazioni.