La Provincia di Lecce protagonista domani a Roma, insieme alle Province di Biella, Nuoro, Ravenna e Siracusa e alla Regione Umbria, per la presentazione del progetto sperimentale “In Vitro”, promosso dal Centro per il Libro e la lettura e finanziato dalla società Arcus spa.

All’incontro con la stampa, che si svolgerà nella Sala Convegni Santa Marta in Piazza del Collegio Romano, interverranno, tra gli altri, la vice presidente e assessore alla Cultura della Provincia di Lecce Simona Manca e il ministro per i Beni e le Attività Culturali Lorenzo Ornaghi.

“Il progetto che ci vede coinvolti, insieme a solo altre quattro Province e alla Regione Umbria, è unico ed originale per contenuti, finalità e ratio ed ha come obiettivo quello di rendere la lettura un’abitudine sociale diffusa. La scarsa propensione alla lettura, in particolare tra alcune fasce della popolazione e in alcune aree del Paese, è un gap territoriale e sociale che grazie a questa progettualità si vuole superare” . dichiara la vice presidente ed assessore alla Cultura della Provincia di Lecce Simona Manca.

“Con “In Vitro” si tiene conto delle pluralità di esperienze che caratterizzano la realtà italiana e si dà vita ad un progetto in grado di sviluppare pratiche innovative, destinate a categorie di “utenti-lettori” come scuole e gli adolescenti, capaci di valorizzare le “infrastrutture territoriali” della lettura, ossia le biblioteche”, prosegue la vice presidente.

“L’idea di partenza del progetto, che come Provincia ci vede in prima linea, è quella di avvicinare i proprio figli alla lettura fin da piccolissimi. Da autorevoli studi effettuati è stato riscontrato che leggere ad alta voce pagine di un libro ad un bambino, anche di appena sei mesi, rappresenta un arricchimento culturale ed emozionale tale da rendere domani questi giovani lettori degli adolescenti più curiosi, con voti più alti a scuola e con idee più chiare ”, spiega la vice presidente Simona Manca.

“Un’ulteriore particolarità di questo progetto, che lo contraddistingue da tutte le iniziative di promozione della lettura finora realizzate in Italia, consiste nella metodologia utilizzata, che mette a disposizione potenti strumenti di analisi della realtà locale, i quali, accompagnati da un’accurata rilevazione statistica dei comportamenti di lettura – non lettura, consentono di definire una strategia calibrata sulle caratteristiche del territorio”.  

“La lettura deve far parte della nostra vita, dei giochi dei nostri figli. Per la Provincia di Lecce la lettura rappresenta una risorsa fondamentale, anche in termini di crescita economica e sociale, sulla quale abbiamo già investito, in una logica di lungo periodo, con progetti di rilevanza nazionale come “Bibliando”  e la Rete provinciale delle Biblioteche”, conclude la vice presidente Simona Manca.