“Il dibattito e’ servito a ribadire le posizione che il presidente Errani ha espresso con durezza. C’e’ il metodo fatto di una sequela di sgrammaticature che rappresenta un vulnus nei rapporti tra governo e regioni.

Nel merito e’ difficile immaginare che la sanita’ possa subire un ulteriore taglio di cinque miliardi di euro che porterebbe i tagli a un totale di 22 miliardi. A questo punto il diritto alla salute e’ qualcosa che viene smaltito lentamente”. Lo ha detto il presidente della Puglia Nichi Vendola al termine della Conferenza delle Regioni convocata dal presidente Vasco Errani per discutere della spending review e in particolare dei tagli alla sanita’. “Le Regioni sono disponibili a ragionare ma non sulla base di questi tagli”, ha aggiunto Vendola: “Aspettiamo le 13.30 per vedere se il ministro Balduzzi ci dira’ qualcosa di nuovo. Altrimenti auspico che le Regioni portino alle estreme conseguenze la rottura con il governo”.