Un commerciante 43enne di Salice Salentino è finito in manette sabato. Secondo l’accusa, avrebbe abusato per ben 5 anni la figliastra all’epoca dei fatti minorenne; maltrattato, picchiato e violentato la moglie.

Nella mattinata di oggi si è svolto l’interrogatorio di garanzia davanti al gip Antonia Martalò che aveva firmato l’ordinanza di custodia cautelare. L’uomo, in presenza del suo legale Massimiliano Petrachi, ha negato tutto.

I fatti contestati si sarebbero verificati a partire dal 2004, quando la ragazzina aveva 14 anni.

Più volte avrebbe subito palpeggiamenti, molestie, e sarebbe stata costretta a intrattenere rapporti sessuali completi col patrigno.

L’incubo tra le mura domestiche sarebbe andato avanti per anni. Anche la moglie sarebbe stata maltrattata, ingiuriata, insultata e violentata dal 43enne. Un orrore che è terminato quando, nel gennaio scorso, la donna è andata via da casa con sua figlia e ha denunciato tutto. Subito sono state avviate le indagini dal sostituto procuratore Carmen Ruggiero.

Ora l’uomo è ai domiciliari. Respinge le accuse e si dice estraneo ai fatti contestati.

NESSUN COMMENTO

LASCIA UN COMMENTO

tre + sedici =