“Disporre una inchiesta amministrativa interna per stabilire come sia possibile che il Centro Trapianti del “Vito Fazzi” di Lecce sia stato chiuso in seguito ad una ispezione ministeriale perché le sale operatorie non sono a norma e come è possibile che il Centro sia andato avanti con sale operatorie non a norma senza che nessuno

se ne rendesse conto né disponesse lavori di messa a norma; verificare se sia vero che il Centro potrà riaprire entro fine anno, il che dovrebbe significare che i lavori di messa a norma sono già stati appaltati e sono già iniziati; adoperarsi insieme con l’assessore alla Sanità presso i vertici della Asl di Lecce affinché il Centro riapra il prima possibile e la chiusura temporanea assicuri continuità assistenziale ai pazienti e l’assenza di qualsivoglia impedimento per i loro medici ad eseguire il trapianto nel Centro di Bari e a seguire regolarmente anche il decorso post operatorio; disporre, sin da subito, una ricognizione di tutte le strutture sanitarie della Regione Puglia per verificare la sussistenza dei requisiti richiesti dalle Leggi vigenti e per assicurarsi quindi che dette strutture siano a norma, onde garantire la sicurezza dei pazienti ed evitare casi analoghi a quello del Centro Trapianti di Lecce”.
E’ quanto chiedono il capogruppo del Pdl alla Regione Rocco Palese e il consigliere Roberto Marti in un ordine del giorno da discutere nella prossima seduta di Consiglio regionale.
“Ci auguriamo che questo odg venga sottoscritto quantomeno da tutti i colleghi consiglieri salentini anche di centrosinistra. Chiediamo al Governo Regionale non solo di approfondire i motivi che hanno determinato la chiusura e le eventuali responsabilità, ma soprattutto di vigilare e dare certezze sui tempi di riapertura per evitare che la sanità salentina perda uno dei suoi centri di eccellenza e che i medici di quel Centro ed i cittadini del Salento subiscano penalizzazioni e disagi dovuti alla chiusura ed al conseguente obbligo di trasferire a Bari eventuali interventi di trapianto. Ci auguriamo che il Governo Vendola assuma un impegno preciso e concreto su modalità e tempi di riapertura delle sale operatorie, per dare risposte immediate a medici e pazienti”

ATTENZIONE: i commenti non sono moderati dalla redazione, che non se ne assume la responsabilità. Ogni utente risponderà del contenuto delle proprie affermazioni.