“Si tratta di un primo, grande passo per la definizione completa di un progetto, quello della salvaguardia capillare delle nostre acque, che ci vede in prima linea, convinti come siamo che l’inviolabilità del mare rappresenti un bene irrinunciabile per la nostra comunità cittadina”.

Così il sindaco Francesco Errico commenta la messa a regime dell’impianto di affinamento per il riutilizzo in agricoltura delle acque reflue dell’impianto di depurazione consortile a servizio dei Comuni di Gallipoli, Alezio, Sannicola e Tuglie, sottolineando altresì l’importanza che riveste, per vari aspetti, tale attivazione. “Si tratta di un’opera che ha richiesto tempo– ha commentato – visto che l’iter è iniziato con l’Amministrazione Venneri di cui facevo parte, ma che rappresenta una risposta seria a problematiche altrettanto prioritarie quali la lotta agli sprechi idrici e la tutela ed il decoro del nostro habitat naturale. Per questo ringrazio per tale risultato così prezioso ed atteso dal territorio l’assessore regionale Fabiano Amati”. Il primo cittadino, nel commentare questa notizia, esprime la sua posizione generale sulla questione della tutela delle acque. “L’argomento – ha detto – è per noi prioritario e lo è stato sin dall’inizio, come dimostrato anche mediante l’attribuzione di un’apposita delega nella nostra squadra di governo. Tale convincimento è stato ribadito anche nel corso del primo consiglio comunale con la volontà, che confermo, di istituire un tavolo tematico, aperto al contributo dell’opposizione, che consenta di dare soluzioni definitive al problema della depurazione delle acque nella nostra città. Il mare per noi gallipolini prima ancora  che uno straordinario volano economico e turistico è principalmente un elemento identitario e per questo va tutelato senza se e senza ma. Sono certo che su questo discorso non mancherà la condivisione dei concittadini, l’appoggio costruttivo di tutte le forze politiche e mi auguro anche che su questo discorso possa risvegliarsi l’impegno di qualche associazione ambientalista rimasta sin troppo pigra, in questi anni, sull’argomento”. Intanto un altro passo in tale direzione, a conferma di quanto dichiarato dal sindaco, sarà quello di mercoledì prossimo, quando interverrà a Gallipoli, nella Sala Consiliare di Palazzo Balsamo, l’assessore regionale Fabiano Amati, invitato dall’Amministrazione Comunale per fare un punto della situazione proprio sulla questione della depurazione delle acque a Gallipoli.

NESSUN COMMENTO

LASCIA UN COMMENTO

due × quattro =