Le barriere architettoniche, ostacoli che limitano quella libertà di movimento a cui tutti abbiamo diritto, rappresentano un problema ancora difficile da affrontare in maniera idonea. La ricerca di parametri collettivi, al fine di rendere accessibili tutte le aree comuni e non, a persone con limitata capacita’ motoria, e’ ancora inadeguato

rispetto agli innumerevoli ostacoli che impediscono la piena autonomia anche a individui con disabilita’ di altro genere.
Malgrado le leggi che impongono l’eliminazione totale di tutte le barriere, e’ ancora complicato rapportarsi ad un problema che molto spesso sfugge alla maggior parte della popolazione.
La solidarietà nei confronti dei diversamente abili e’ probabilmente il miglior modo per colmare le lacune di un sistema che ancora oggi e’ relativamente macchinoso nel superamento di tali problematiche.
Quello che e’ accaduto questa mattina in via Monteroni a Lecce, quando un anziano su sedia a rotelle e’ rovinosamente caduto battendo la testa nel tentativo di accedere al marciapiede, presumibilmente per recarsi al vicino forno e acquistare il pane, e’ solo uno dei tanti incidenti che si verificano ogni giorno. Immediati i soccorsi dei presenti e del 118, fortunatamente sembra che il malcapitato non corra alcun pericolo. A quanto pare il problema era noto agli abitanti della zona che per agevolare il passaggio della sedia a rotelle hanno provveduto personalmente a realizzare degli scivoli, non del tutto efficienti suo malgrado.
Una brutta esperienza che deve risvegliare le coscienze di noi tutti, a volte basta un atto di cortesia, un gesto che porta via pochi secondi ma che può essere fondamentale per rendere più facile la vita di chi e’ portatore di handicap.

 

CONDIVIDI