Assalto armato ai danni della gioielleria “Re dell’Oro”, in via Duca degli Abruzzi, a Nardò. Due banditi, dopo essere entrati nell’attività fingendosi clienti interessati all’acquisto di un orologio, hanno estratto una pistola e portato via diversi monili ed orologi di marca.

Il colpo è stato messo a segno in pieno giorno, pochi minuti dopo le 11.
Secondo una prima ricostruzione, effettuata sul posto dagli agenti del commissariato di Nardò, i due rapinatori hanno raggiunto l’attività a bordo di un’auto. Dunque, a volto scoperto, si sono presentati sull’uscio della gioielleria, spacciandosi come normali clienti e riuscendo ad entrare nel negozio, al cui interno c’erano il marito della titolare e due commesse.
Le reali intenzioni dei due malviventi, però, le hanno manifestate solo qualche minuto dopo. Dopo avere atteso che gli altri avventori uscissero dalla gioielleria, uno dei due ha estratto una pistola. Forte dell’arma, ha poi minacciato le due commesse presenti ed il titolare, mentre il complice li ha immobilizzati con delle fascette alle sedie.
I banditi (entrambi erano italiani ed avevano il volto scoperto) hanno avuto il tempo soltanto di arraffare qualche orologio e qualche monile in oro, ma il bottino non dovrebbe essere particolarmente ingente.
La zona, dopo l’allarme lanciato al 113, è stata raggiunta dagli agenti del commissariato locale. I poliziotti hanno provveduto ad ascoltare le testimonianze dei presenti, mentre i colleghi della scientifica hanno eseguito i rilievi del caso, alla ricerca di tracce o impronte lasciate dai rapinatori.
Al momento, non è noto se l’attività presa di mira fosse dotata di un sistema di videosorveglianza.

Maggiori dettagli nelle prossime ore

NESSUN COMMENTO

LASCIA UN COMMENTO

9 + 14 =