Il carcere è l’unico ambiente di lavoro,nonostante le leggi in vigore, in cui i detenuti sono autorizzati a fumare costringendo detenuti non fumatori e lavoratori della polizia penitenziaria ad inalare per ore i gas nocivi che sprigionano dalla loro sigarette

A denunciarlo è Federico Pilagatti, segretario nazionale del Sappe, il sindacato della polizia penitenziaria
Nonostante ciò, l’amministrazione penitenziaria non ha mai mostrato interesse al problema, per cui il Sappe, a breve, chiederà l’intervento delle ASL e dei Magistrati del Lavoro per cercare quantomeno di attenuare il rischio alla salute per i lavoratori e per i detenuti.