Omaggio di Rosaria Ricchiuto questa sera a Tito Schipa, con uno spettacolo teatrale in onore del grande tenore leccese, prodotto da teatro Solatia diretto dalla stessa Ricchiuto in collaborazione con il Centro Studi R. Protopapa ed inserito nel progetto “Le parole della memoria”, start 21.30 nella Piazza degli Eventi del comune sud salentino.

E’ passato mezzo secolo dalla morte del grande tenore leccese Tito Schipa che, con  la sua voce d’usignolo, ha portato la salentinità nel mondo. Oggi a ricordarlo in tutta la sua arte, ci pensa una rappresentazione teatrale che Rosaria Ricchiuto e Franco Ciardo stanno portando scena in molti del Comuni del Salento.

Lo spettacolo, scritto da Gianni Carluccio, parente dell’artista e responsabile dell’ Archivio Tito Schipa e da Rosaria Ricchiuto nella doppia veste di regista.

Sarà la compagnia Teatro Solatia a mettere sul palco alcune pubblicazioni dell’Archivio gestito da Carluccio per dare voce ai ricordi e alle testimonianze che hanno come protagonista il grande tenore.

Si scopriranno, tra gli altri, alcuni aspetti meno conosciuti del grande taumaturgo leccese, tra aneddoti, canzoni e racconti, con Rosaria Ricchiuto, Sabrina Agrimi, Elena Ludovica Cappello, Domenico Carusi, Gabriella Margiotta, Mariangela Nobile, Katia Occhilupo, Antonella Trittola, Franco Ciardo; accompagnamento alla chitarra dal giovane musicista tugliese Stefano Gnoni.

 

 

CONDIVIDI