Lo chiamano “il martello”, più precisamente El Tuma. Soprannome che nel calcio sarebbe ben augurante se il soggetto in questione fosse un difensore. Ebbene si, lo è! Gilberto Martinez, detto “El Tuma”, sarà ad ore un nuovo giocatore del Lecce.

Con la partenza di Andrea Esposito in direzione Padova (il galatinese dovrebbe firmare oggi il suo nuovo contratto con il club veneto), il trentatreenne costaricano diventerà un pilastro della difesa di Franco Lerda. Dopo l’arrivo in giallorosso dell’ormai ex capitano del Sorrento Ronaldo Vanin e l’acquisto già noto di Diniz, Martinez rappresenta il tassello mancante di un Lecce che in difesa ha rifatto il look. Il calciatore è in possesso di un palmares che prelude al definitivo salto di qualità della retroguardia leccese. Il costaricano è stato per anni una colonna della difesa del Brescia e ha vestito le prestigiose maglie di Roma e Sampdoria. Le caratteristiche tecniche ci parlano invece di un giocatore veloce e bravo con i piedi, capace di  ricoprire tutti i ruoli sulla fascia destra oltre che disimpegnarsi in quello di centrale difensivo. Un vero e proprio lusso che la famiglia Tesoro è felice di concedere al suo nuovo Lecce ormai impelagato nelle torbide acque della Lega Pro. Il giocatore attualmente è svincolato, si trova in Costarica e pare aver già dato l’ok ad un immediato trasferimento nel Salento. El Tuma dovrebbe firmare un contratto biennale e con ogni probabilità salterà la prima gara di campionato contro la cremonese a causa di piccole rogne burocratiche che gli permetteranno di tornare in Italia tra una settimana al massimo.
L’unico neo di quella che sembrerebbe a tutti gli effetti l’operazione perfetta, riguarda l’approssimativa  condizione atletica di Martinez che, conclusa la lunga esperienza con il Brescia a ridosso di questa estate, non si è più allenato sotto la guida di una squadra.