Un giovane di 20 anni, originario di Surbo, Valentino Spalluto è stato ucciso, nel pomeriggio di oggi, intorno alle 16.45, da alcuni colpi di arma da fuoco in piazza Palio a Lecce, nei pressi del tendone che ospita la fiera di Lecce, dove l’operaio stava lavorando con alcuni colleghi per allestire il palco per il concerto di Laura Pausini, previsto per sabato.

Potrebbe trattarsi di un’esecuzione, a quanto si è saputo, infatti, Il suocero ha detto agli inquirenti di aver sentito alcuni colpi di arma da fuoco, riuscendo a vedere appena in tempo un individuo, a bordo di uno scooter con indosso un casco nero e una maglietta nera che si allontanava a gran velocita’. L’uomo si è quindi poi accorto del corpo del genero riverso per terra in una pozza di sangue. Immediato l’allarme ai sanitari del 118 che, arrivati sul posto, non hanno potuto far altro che constatare la morte del 20enne. Secondo un primo esame del corpo, sarebbero stati due i colpi che avrebbero colpito Valentino Spalluto: uno alla testa e uno ad un braccio. Sul posto sono intervenuti gli agenti della Squadra Mobile di Lecce e i Carabinieri.
La polizia sta interrogando le molte persone presenti a quello che al momento viene considerato dagli investigatori ”un agguato dai contorni strani”. L’uccisione di Valentino Spalluto, l’operaio che lavorava all’allestimento del palco per il concerto di Laura Pausini, e’ avvenuta intorno alle 17 in una affollata piazza del centro di Lecce. Le indagini sono coordinate dal pm Guglielmo Cataldi.
Il ragazzo era fidanzato ed in passato era stato coinvolto in prima persona nell’incendio che, nel maggio del 2009, distrusse la lavanderia dell’allora ed attuale vicesindaco Fabio Vincenti.

[widgetkit id=12]