Poco più di due ore per fornire le prime speiegazioni e fornire ulteriori dettagli nelle mani di investigatori e inquirenti per fare luce sull’omicidio di Valentino Spalluto, il 20enne di Surbo, ucciso giovedì pomeriggio nei pressi di Piazza Palio.

Il medico legale Alberto Tortorella ha eseguito l’autopsia sul corpo del giovane stabilendo come i colpi abbiano raggiunto Spalluto in testa, all’altezza della fronte sul lato sinistro e sul braccio destro, sotto il gomito. I proiettili sono stati recuperati e verranno analizzati in laboratorio per accertare da quale tipo di arma siano partiti, un revolver o altro. Il decesso del giovane, ha accertato il medico legale, è avvenuto dopo pochi minuti per la grave ferita riportata in testa. Nei prossimi giorni, per stabilire con precisione la distanza dallla quale sono partiti i colpi, la traiettoria dei proiettili- se dal basso verso l’alto o viceversa, il medico legale Tortorella effettuerà un sopralluogo di concerto con l’autorità giudiziaria sul luogo in cui si è consumata la tragedia. Intanto le indagini proseguono a ritmo serrato. Non si esclude alcuna pista, ma nelle ultime ore ha preso quota l’ipotesi che il giovane sia rimasto vittima di un agguato per questioni personali. Un presunto sgarro a qualcuno, un affronto o magari un litigio sfociato nel sangue, così’ come riferito da un testimone, anche se gli inqurenti non avrebbero ancora raccolto elementi che incanalerebbero le indagini in tale direzione. Intanto i famigliari del giovane hanno dato mandato all’avvocato Davide Pastore di seguire i risvolti che l’inchiesta sulla morte del proprio parente  riserverà.